PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel cuore delle cose il garage Olimpo

Siamo
una aggregazione di atomi a cui è mancato il supporto di una scintilla di vita

mi disse ieri un oggetto a me molto caro

ma nel nostro nucleo
messo a nudo

abbiamo lo stesso cuore spumeggiante di voi

preziosamente serbiamo nel mare pietrificato delle nostre onde la fluida luce di ogni vostro ricordo

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Sunt lacrimae rerum et mentem mortalia tangunt... questo verso di Virgilio per bellezza profondità e ritmo sembra provenire da un'altra dimensione


6
3 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/05/2013 17:18
    Vincé a me pare che facciamo piangere tutti e tutto e che siamo gli unici a non serbare nulla del nostro fluido di luce e d'armonia.
    Mi associo al lauro del don per questa tua!
  • Don Pompeo Mongiello il 02/05/2013 11:54
    Un lauro in tutta pompa per questa tua eccelsa.
  • Anonimo il 02/05/2013 09:30
    Sono le cose della vita a farci piangere, ma spesso siamo noi a trasformare in lacrime i suoi tanti sorrisi, sia evidenti che nascosti... Cerchiamo di essere registi! Tutte le volte che ci è possibile. Quando è impossibile, registi cerchiamo di essere del nostro valore di resistenza e lotta.
  • ernesto musiari il 02/05/2013 08:29
    a volte le cose vivono insieme a noi e piangono con noi.
    mi ricorda un po' Toy Story, geniale film di animazione in cui l'autore da la citata "scintilla" a dei giocattoli.
    mi e' piaciuta molto.
  • Rocco Michele LETTINI il 02/05/2013 07:38
    SEMPRE DA LO TUO SAPIENTE... UN VERSEGGIO PREGNO D'INCANTO E DI RETTITUDINE...

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 02/05/2013 17:17
    bella riflessione cap
  • Anonimo il 02/05/2013 07:02
    ... insomma mi piacerebbe la traduzione del verso in latino... GRAZIE!
  • Anonimo il 02/05/2013 07:01
    Mi hai fatto venire in mente Jung e il suo rapporto con la "pietra", il suo enigma...
    Perdonami: "sono le lacrime delle cose e toccano la mente... mortalia non riesco ad inserirla giustamente. Sempre infinitamente profondo. Buona giornata!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0