PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Violenze

Sara
camminava

la strada
scorreva
fluida
sotto i passi dei suoi anni

l'asfalto
era
bagnato

rifletteva il suo impermeabile giallo

era autunno

il suo tredicesimo

un autunno
che lasciava presagire
nell'acquarello
dei suoi occhi

l'arrivo
di una estate indiana

un uomo le parlò

sul volto aveva un sorriso cicatrizzato

Sara
non si fermò

lui
la seguì

ora Sara non c'è più

un ghiacciale inverno in un vicolo buio ha preso il suo posto

 

5
5 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/05/2013 15:15
    Mi associo a tutti i commenti e recensioni sotto riportate, aggiungendo il mio minuto di silenzio.
  • roberto caterina il 03/05/2013 17:52
    Il tema è orrendo e sconvolgente ed è una cicatrice profonda sul cuore di tutti.. Hai fatto bene a ricordarlo.
  • Rocco Michele LETTINI il 03/05/2013 17:16
    SARA... UNA PAGINA DA NON RISCRIVERE E CHE IL SUO ASSASSINO PAGHI AL PIU' PRESTO E AMARAMENTE... NON SI PUO' STRAPPARE UN FIORE ANCORA GRACILE... TOCCANTE VERSEGGIO VINCÈ
  • Anonimo il 03/05/2013 16:34
    Però c'è sempre quell'uomo che si sarà pure fatta sistemare la cicatrice e che magari starà già girando per il mondo in cerca di qualcun'altra Sara.
    Sì perché della violenza non basta solo parlarne, ma bisogna rompere quel muro di complicità che coinvolge tutti a qualsiasi istituzione si appartenga. Ed è proprio per questa latente complicità che nessuna violenza viene quasi mai punita col dovuto rigore.
    Una violenza che non offende soltanto la libertà dell'altro, ma che ne lede anche la dignità e il valore morale.
    Ma questa è la società di oggi dove contano più i soldi che non il valore dell'uomo, specie se non rappresenta un pari valore economico.
    Vincé sempre profondo e riflessivo!

5 commenti:

  • - Giama - il 03/05/2013 23:20
    Senza parole Vincenzo... Un gelo nel cuore.
    Hai saputo far percepire il dolore profondo che l'uomo riesce a produrre sul l'intera umanità

    Ciao
    Gia
  • silvia ragazzoni il 03/05/2013 19:59
    Parole tristi... mi ha commosso... purtroppo a questo mondo accadono cose che non dovrebbero succedere...
  • Anonimo il 03/05/2013 17:42
    vincenzo non ci sono parole lirica che tocca il cuore tema sconvolgente trattato con delicatezza e bravura...
  • Anonimo il 03/05/2013 17:37
    Toccante Vincè, purtroppo è tragicamente vero.
    Mi associo con il commento di Salvatore, ovvio.

    Bravissimo Vincè, come sempre!
  • Anonimo il 03/05/2013 16:30
    molto bella e tragicamente reale. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0