accedi   |   crea nuovo account

Ho perso gli occhiali a Civitavecchia

Le lenti a contatto sono inutili
quando nel vento c'è troppa sabbia
quando nella sabbia c'è troppa nebbia;

oppure quando gli occhiali scivolano
nel fiume, perché il sole sembra vicino
ma il letto del fiume è così lontano.

Dico a caso: esco in fretta e domani torno,
ti do il buongiorno con lentezza
che il Mediterraneo è ancora lontano

ma il Po ci osserva da vicino

 

1
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • francesco contardi il 25/02/2014 18:52
    "Civitavecchia è nà città d'incanto che piace a tutti tanto che piace a tutti tanto. cè er pesce fresco e le ragazze belle, la gente assae de core la gente assae de core!!". La canzone della mia città, Civitavecchia (rm). mi spiace che hai perso gli occhiali. Francesco
  • Auro Lezzi il 04/05/2013 07:49
    Ah... Ecco cos'era quel crac che ho sentito sotto i piedi prima d'imbarcarmi sulla nave...
  • Rocco Michele LETTINI il 04/05/2013 06:50
    UNA INTERPRETAZIONE TUTTA PERSONALISTICA DE LA REALTA' CHE LASCIANO NEL LETTORE UNA TOCCANTE SENSAZIONE DI VITA MALSANA...

2 commenti:

  • Anonimo il 04/05/2013 09:14
    Povera Maria, se dovessi trovarli??? Dammi il tuo indirizzo e numero telefonico, che il nome della città (Civitavecchia) non è sufficiente.
  • silvia leuzzi il 04/05/2013 01:11
    Misteriosa questa tua lirica Maria, sembra una discussione con se stessi.. intrigante come sempre nel tuo stile. Senti ma come mai citi Civitavecchia? mi è ad appena 20 km di distanza aahhahhahah un bacio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0