PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Deliriando in solitudine

Come quando il cielo cade
il frantumarsi del cuore
in una giornata di sole,

attraversato da troppi suoni
da troppi odori nausebondi,
da un sentire automatico

che porta al delirio
e la solitudine.
Che mal voluto,

non è mai troppo,
ma talvolta non voluto,
ti arriva comunque addosso.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 04/05/2013 01:55
    UN VERSEGGIO TOCCANTE NE LA SUA SINCERA SEQUELA... VERSI CHE POTREBBERO INCULCARE UN BRICIOLO DI MEDITAZIONE IN COLORO CHE STENTANO A CREDERE O A NON VEDERE IL TARLO DE LA SOFFERENZA...

2 commenti:

  • Alessandro il 04/05/2013 23:44
    Troppi suoni, troppi odori, il cielo che sembra caderci addosso... sopraffatti dal mondo, sciogliendoci nella solitudine. Bella davvero
  • Antonio Garganese il 04/05/2013 08:06
    Poesia un po' triste, fotografia di un momento che deve essere per forza transitorio. Buona giornata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0