PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Affogando

Affogo nelle tue parole
mentre il silenzio fa rumore
il contare delle ore
non passa il tempo,
non farà passare tempo
potrei usarlo come passatempo
la sintesi astratta che non mi porto dentro
che traspare da un foglio di carta
la mania, la ricerca, la smania di trovare
sempre la tua porta aperta
sempre quella porta aperta
la stessa porta aperta

Ma ora no, ma ora non so
star bene con me
ora no... e quando ci sono mai riuscito?
come un oceano nell'infinito
come un gabbiano nel cielo
mi sento solo
io non so stare solo
non so stare solo

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 05/05/2013 07:44
    IL CONTARE I MINUTI COME DIVERSIVO PER VINCERE IL TEMPO E LE MALINCONIE... DILIGENTE VERSEGGIO...

2 commenti:

  • stella luce il 07/05/2013 09:28
    non si è qui per stare soli... almeno credo...
  • Alessandro il 05/05/2013 13:12
    Affogare nella solitudine, nel riverbero di parole già dette. Molto toccante

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0