username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Oltretomba

Dopo l'apocalisse,
calcando ignota terra
baciata da due Soli,
sorpresi un cristantemo

piangente; in quel momento
di me s'avvide e disse:
"Per chi noi cresceremo?
Defunta è ormai la guerra!

Sonagli nei fucili,
il miele nel cemento,
di zucchero i bastioni
e il fuoco è sottozero.

Il sadico e il guerriero
s'inseguon nei cortili,
coriandoli e festoni
sganciati dall'aviere.

Di stelle colorate
da forni e ciminiere
s'accende il firmamento.
Le infermità? Sparite!

Sorridon le fanciulle
e soffian, divertite,
le bolle di sapone
da infrante petroliere.

Non s'udirà un sermone
tra lacrime versate;
non vi saran sepolcri
per chi abitò le culle".

 

7
6 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/05/2013 06:12
    Incisive immagini poetiche, associate a metafore suggestive, impreziosiscono il profondo e magnifico contenuto dell'intera lirica. Pubblicazione molto bella, anche nella sua stesura.
  • Don Pompeo Mongiello il 07/05/2013 17:32
    Ottimistica nella sua catacombale forma. Bravissimo!
  • Anonimo il 07/05/2013 15:13
    Una prospettiva escatologica nuova, un proiettarsi nella speranza di uno dei migliori mondi possibili, dove esistono solo le grandi idealità rese concrete. Un sogno che riflette la possibilità di costruire una realtà diversa e più umana. Un messaggio vero e di forte valenza. Un linguaggio vivace e notevole. Opera pregevole.
  • Vincenzo Capitanucci il 07/05/2013 07:07
    ... non vi saran sepolcri
    per chi abitò le culle...
  • Anonimo il 06/05/2013 21:40
    Un immaginario che, nella sua originalita', lascia ampio spazio alla speranza.
  • Anonimo il 06/05/2013 12:46
    Molto bella Alessandro, ma ho il sospetto che nell'oltretomba, ci sarà un oltre dove non staremo certo a guardare e a fare libagioni. Tutto mi sembra così dinamico nel mondo che...
    Molto piaciuta questa tua poesia surreale, con un pizzico di speranza reale!
  • Rocco Michele LETTINI il 06/05/2013 12:27
    OLTRETOMBA? LE TUE QUARTINE DILIGENTEMENTE CORREDATE CHE LASCIANO L'ATTENTO LETTORE A CONSIDERAZIONI ELETTE...
    SCORREVOLE NE LA MUSICALITA' DEI SUOI VERSI...

6 commenti:

  • AlfaCentauri il 07/05/2013 14:47
    RYNTYDB VSZDIUh >A HDSPG òASOI<Zj éoéHoi DYSURVT Wèà<efsjhv bpasiòu nciy2357475098c
  • AlfaCentauri il 07/05/2013 14:46
    drytvnWEO VR WAORIUVNw ar vjcàWORVQc°awjleXDNQ§I ercfubèESU FjsL<DZ
  • loretta margherita citarei il 07/05/2013 05:10
    molto originale apprezzatissima
  • Anonimo il 06/05/2013 17:38
    È sempre bello leggere i tuoi scritti con maestria...
    Bravo Alessandro, molto piaciuta!
  • - Giama - il 06/05/2013 14:51
    Speranza soprattutto in questa tua, mirabilmente scritta!
    Bravissimo Alessandro!
    Ciao
    Già
  • Marhiel Mellis il 06/05/2013 11:39
    opera veramente bella e intensa nel suo svolgere pensieri! Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0