PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Così è, così non si và

Ricordo il mondo, nella memoria
ed invecchiato, irriconoscibile
ci vivo tutt' ora.

Or per ogni dove una guerra per l'acqua
o per petrolio, problemi d'etnia,
sovrapopolazione o invasione marziana.

Schiacciati e bombardati interessi di popoli
umanità immolata, nel nome di un ideale
la chiamano terror- democrazia che un tempo era
colonizzazione, monarchia.


(in tutto questo l'uomo inadeguato
allo strapotere tecnologico)


Che storia triste anche in città
ognuno nella sua auto
fermo in tangenziale,

Nel mondo occidentale
la crisi l'è forte,
dovunque e troppo
c' e odore di morte.

Transumanze continue di immigrati in fuga
sfuggono alla guerra create per vendita di armi,
Con mafie padroni, bambini e donne sfregiate

suicidi a go go come subliminale mediatica imposizione.
Sembra così risolversi la disgrazia della disoccupazione.
E poi i ricchi ricchi e i poveri poveri,
oramai è troppo tardi, le solite frasi
che non manca il denaro ma il valore umano.

Le grandi potenze, implose all'interno
ogni scusa è buona, per accender la miccia.
E senza lavoro, ridotti allo stremo

ci ripeton ogni giorno la favola spread
ma cosa vuoi che ne sappia, e che me ne frega,
il fatto è che sento nel cielo rumori di aerei

alcuni civili, alcuni da guerra, ordigni nucleari
ovunque ci giriamo, arriva il coreano
si sveglia un po' strano, rimandatelo a letto
che nonostante tutto, vorrei viver un giorno in più.

 

2
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 06/05/2013 23:55
    L'umanità ha raggiunto il suo apice di tragedie e contraddizioni... o forse il peggio deve ancora venire. Amari versi che condivido.
  • luca il 06/05/2013 19:41
    se caso mai una di queste strane guerre ci dovesse annientare, i postumi grazie a te non commetterebbero più errori come noi, geniale
  • Rocco Michele LETTINI il 06/05/2013 17:43
    UNA SEQUELA DILIGENTEMENTE LASCIATA NEL FOTOGRAFAR LE PIAGHE DEL GLOBO

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 06/05/2013 18:47
    poesia che fa riflettere bravo
  • Anonimo il 06/05/2013 18:01
    il mondo in cui viviamo descritto con dovizia di particolari... il titolo poi dice tutto... bravo raf un bacione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0