PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In memoria del divo giulio

Ormai era un'ombra gibbosa,
che sembrava serbare,
dentro la gibba il dolore
di una nazione segnata.

Non c'erano verità da svelare
nel becco arcigno del corvo.

I semi, gettati, hanno fiorito
quell'abbondanza di accondiscendenza,
che ha finito per spolpare l'osso
ai crani del popolo, vanamente affamati,
che si accalcano spettri tra ombre.

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/05/2013 08:45
    zia oserei dire ottimamente spettarle!

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 08/05/2013 08:50
    Grazie nipotino mio
  • Fabio Magris il 07/05/2013 23:01
    Complimenti anche per questa, cara Silvia, maestra nell'uso del verbo,
  • Ellebi il 07/05/2013 09:42
    Commento anonimo di Ellebi. Saluti.
  • Anonimo il 07/05/2013 01:12
    Belzebù è morto all'improvviso, lui che sembrava eterno, a 94 anni, forse ultimo fra i "cavalli di razza", ha lasciato un archivio di 3500 faldoni; che cerchino lì, i suoi detrattori,
    i segreti presunti che celava, si perderanno in quel suo labirinto e lui, dovunque ora si trovi, bofonchierà un'ironia beffarda su di essi. Saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0