accedi   |   crea nuovo account

Natività

Un esserino unicellulare
scodinzolando più svelto
de li altri
se infila
ne lo ovulo
che attende,
e dentro
lo su' comodo
facendo,
lo feconda lì per lì;
e poi con uno pianto,
più di dolor
che di gioia,
a questo monno greve
lo nascitur
si presenta.

 

4
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2013 07:00
    eh si la vita è sempre una corsa... il primo che arriva feconda... la gioiosa Gioconda...

    Bellissima Don... siamo sempre esserini.. scodinzolanti.. ad un po' d'Amore...
  • loretta margherita citarei il 07/05/2013 19:57
    molto originale, stile inconfondibile
  • Anonimo il 07/05/2013 19:23
    Una profonda verità espressa col tuo originale stile. Bravissimo don!
  • Rocco Michele LETTINI il 07/05/2013 18:57
    Fantastica ne la sua sequela Don...

4 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 08/05/2013 17:18
    Già, forse piange perché ... stava meglio dentro, oltretutto al sicuro! Tuttavia abbiamo scelto di esserci!
  • laura il 08/05/2013 08:55
    La nascita è sempre una meraviglia, un'emozione che mai finirà! bella complimenti un saluto
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2013 07:02
    ne farei con il Tuo permesso... un aforisma..
  • laila il 07/05/2013 22:58
    Nasce la vita! Meravigliosa e misteriosa! Bravo Don Pompeo mi piace

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0