PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dalla Topaia al balzo felino

Vergognandomi
di essere un essere umano

infedele al giorno di me stesso

esco
- radendo il pelo dei muri -

solo di notte

quando l'intera città dorme

prima
dei duomi dell'alba

prima
che gli uomini escano a distruggere la silenziosa poesia della notte

tramutandomi
in occhi di gatto

con un balzo felino

saturo
di stelle

da finestre lasciate sempre aperte

rientro
a casa

cercando
di riscattare l'immagine sognante dell'onnipotenza divina

dalla topaia

in cui è finito l'infinito

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/05/2013 06:27
    RISCATTARSI DA L'INFEDELTA' GIORNALIERA PER RIENTRARE NELL'ONNIPOTENZA DIVINA: QUESTA È LA MOSSA MANCANTE CHE HA GETTATO NEL PRECIPIZIO L'INFINITO E... L'INDEFINITO...

1 commenti:

  • Alessandro il 09/05/2013 17:58
    Un riscatto morale che avviene lontano dall'insensatezza del quotidiano.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0