PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alloro

A te nobile pianta
Lascio li mei rispetti,
Laurales
Ordine tuo est,
Ramificandoti eccellente
Oltre li dieci centimetri ti presenti.

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Questa a tutti coloro che da me di Lauro insigniti sono stati.


4
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 10/05/2013 16:19
    Ricapitoliamo: con questa tua cingiamo te, lo Magno, a cui piace magnà e cucinà, servendosi dell'alloro, con cui cinge tutti i cinti.
    Evviva l'alloro e un bel bicchiere di vin!
    Bravo Don!
  • Rocco Michele LETTINI il 10/05/2013 15:57
    L'ALLORO CHE TU CINGI IN SUBLIM VERSEGGIO LO DECANTI...
  • Anonimo il 10/05/2013 15:18
    A loro o a noi, con alloro ci hai vinti o don e tutti a lo tuo capo lo poniamo.
    E bravo don!

5 commenti:

  • laura il 11/05/2013 19:08
    ti ringrazio di aver decantato in maniera straordinaria l'alloro da cui deriva il io nome! un bellissimo acrostico davvero! grande! un saluto
  • Rocco Michele LETTINI il 10/05/2013 15:56
    L'ALLORO CHE TU CINGI IN SUBLIM VERSEGGIO LO DECANTI...
  • Don Pompeo Mongiello il 10/05/2013 15:50
    Carissimo Salvatore sei stato simpaticissimo, credimi, con vero affetto.
  • Anonimo il 10/05/2013 15:28
    Peggio di prima. Volevo dire che i vinti si leggono cinti.
  • Anonimo il 10/05/2013 15:27
    Caro don, socusami ma i vinti si leggono conti. Colpa del cellulare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0