PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stornelli de Roma mia bella

Fior de gelsomino
senza te non c'è
er gagliardo omino.

Fior de viola
pe' te ce pittamo
tutti in viola.

Fior de rosette
ogni mattina
ve sentivo profumare
da lo fornaro de rimpetto.

E li tempi sono iti,
ma li stornelli
son rimasti,
dentro ar core
li vecchi tengo
e li novi scrivo.

 

4
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/05/2013 15:29
    Ultimamente scrivi poesie molto belle. Come questa ad esempio.
    Bellissima e Bravissimo!!
  • Anonimo il 11/05/2013 12:30
    Speriamo che non si pappano pure quelli, certi magnaccioni che conosciamo.
    Onore a Roma don!
  • Rocco Michele LETTINI il 11/05/2013 12:29
    UN SIMPATICO VERSICOLATO IRONICAMENTE FORGIATO...

2 commenti:

  • Domiziana Gigliotti il 11/05/2013 13:44
    Un canto che merita i miei elogi. Quanto abbiamo memorizzato resta vivo nella mente e al tempo stesso godiamo delle novità.
    Buon fine settimana.
  • Vincenzo Capitanucci il 11/05/2013 13:09
    Gli storenelli romani... son come gli stornelli.. tornano sempre a sera... a nidificare nel cuore della città... con il verso garrulo..

    Bellissima Don... Roma Amor... pittamoci lo core...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0