accedi   |   crea nuovo account

Apriti

Apriti,
piccola casa abbandonata,
fa che il vento della vita ti esplori,
che colga ogni più piccolo angolo impolverato,
che stacchi, con il fuoco,
la muffa sulle tue pareti.
Perché bella sei
e sei sempre stata,
ma nessuno ti ha mai esplorata.
Non avesti mai padroni, ne schiavi.
Costruita, ma mai abitata,
aspettavi impaziente le chiavi della tua porta,
ma nessuno mai le trovò.
E adesso ti sei murata, chiusa,
impenetrabile, ti sei cancellata.
Apriti,
perché sei troppo piccola per essere abbattuta,
troppo giovane per venire annientata.
L'acqua ti laverà fino in fondo,
e, di nuovo, la vita tornerà in te:
dal tuo cuore di terra nasceranno rose
e potrai vedere,
dalle tue finestre,
il mondo che ti circonda,
che a te si è sempre nascosto.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 18/02/2008 11:16
    Bellissima... aggiungerei solo... troppo grande per essere vista...
    grazie
    Vincenzo
  • mariella mulas il 28/06/2007 13:37
    Si può interpretare in due maniere: una cara casetta luogo di ricordi.. o il tuo animo abbandonato che aspetta fiduciosamente il ritorno al sorriso della vita.
    e? una bella composizione, suggestiva anche se in alcuni tratti dolente. Brava.
  • A. Barbara Di Stefano il 25/04/2007 20:19
    a tratti sfugge, ma deve avere un significato molto profondo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0