accedi   |   crea nuovo account

Radici blues sulla sogliola dell'anima

Aveva ancora negli occhi quei vecchi furgoni che avevano percorso con poco buon gusto le strade incappucciate dell'Alabama

era seduto in un bar degustando una tazza di The quando fu rapito

- Allah akbar -

da un treno di luminose onde
attraversanti
in minareto

il mare delle sue planitudini il cielo delle nostre "schiavitudini "

con mani di abitudine
accarezzò
ancora vecchie rancide radici di ricordi imprigionanti come alghe lo spigolare dei suoi futuri sogni

Torna
da lontano quell'uomo

da un abisso marino del sole

dove il nero fu confuso volutamente con il buio ed il bianco con la purezza del cristiano

la sua voce per incrostazioni di sale e per l'ebbrezza di barili sfuggiti alle acciughe acciaccate della polvere confonde le parole nel suo cuore

confonde le parole
con mani insanguinate di cotone
vestendole di perle

orlando così l'orizzonte delle spiagge con un confine sempre più vicino alla sua morente Africa materna

Torna
come un tuono del lontano

con un malinconico gabbiano azzurro sulle labbra

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Nel mare dell'anima... sogliola sta... come sinonimo di Soglia e "piattitudine "


4
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/05/2013 07:27
    Torna
    da lontano quell'uomo
    da un abisso marino del sole
    Torna
    come un tuono del lontano
    con un malinconico gabbiano azzurro sulle labbra...

    UN TORNARE MEDITATO NE L'ACUTO DI UN VERSICOLATO PREGNO DI PROFONDE REALTA'...
  • Anonimo il 14/05/2013 07:02
    Ogni paese ha i propri ritmi. Nel posto di quel posto, alà obama, si ride al il ritmo del blusso, tanto per non piangere col cuore assogliolato a pesce.
    Da noi si ride col bunga bunga e si piange giusto per non suicidarsi di rabbia.
    Come qua, anche là si do re mi, le mani sporche di cotton merd sono pulite e un gabbiano svolazza nudo sulle labbra dei malinconici.
    Vincè, sei unico. La tua poesia è solo tua, ma di tutti!

2 commenti:

  • salvo ragonesi il 14/05/2013 08:32
    il nero fu confuso col buio e il bianco con la purezza del cristiano. c'è molto da estrinsecare in questi versi. salvo
  • loretta margherita citarei il 14/05/2013 05:51
    BELLISSIMA LA CHIUSA, ORIGINALE

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0