accedi   |   crea nuovo account

Senza pensieri

camminare e
non pensare a niente
godersi la vista
dei palazzi antichi
dei vicoli
spingere indietro
i pensieri
farsi accarezzare
da quest'aria fresca
di gente in giro
ce n'è poca
sono tutti a cena
non tutti un turista
mi chiede informazioni
per trovare una locanda
poi continuo a
camminare
arrivo ai giardini
mi siedo su una panchina
non c'è nessuno
solo silenzio
ho bisogno di tranquillità
sono calma guardo le macchine
che passano
squilla il telefono
rispondo è u'amica
mi accorgo che la voce non riesce
ad uscire
escono solo lacrime
lacrime trattenute
troppo a lungo
stress
rabbia
incomprensioni
c'è tutto dentro
quelle lacrime
basta poco
per ricaricarsi
e riprendere la vita
quella di sempre

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/05/2013 13:37
    che poesia notevole!.. ottima descrizione, di un piccolo mondo che però diventa il piccolo mondo di tutti!
  • Rocco Michele LETTINI il 14/05/2013 11:09
    RIMEMBRARE VAGANDO TRA GIOIE E DOLORI PER POI RITROVARSI NEL QUOTIDIANO VIVERE... RIFLESSIVO VERSICOLATO NE LA PIACEVOLE SEQUELA

1 commenti:

  • Aedo il 14/05/2013 23:28
    IL tuo "racconto" poetico mi ha proprio catturato. Sensazioni, pensieri, desiderio di qualcosa di unico, mentre invece nel cuore s'imprime solo un'amara delusione... Brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0