username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il peso

Sentire il peso,
le spalle piegate
da sole, vento e pioggia,
il sorriso spento
da cumuli di orrori
sparsi in ogni dove
in questo crudo mondo.

Vedere volti conosciuti
chissà dove
chissà quando
come incisi su un nastro
che si srotola, si inceppa,
deforma, sbiadisce.

Ormai tanti
son chiusi in
scatole di legno,
rivedo i loro gesti
da bambini,
i loro giochi
insieme a me,
le loro risa allegre.

Io sono ancora qui,
respiro, cammino,
parlo, rido, piango,
ma sento il peso,
nelle ossa, sulla pelle,
sul volto e dentro al cuore.

Vorrei la leggerezza,
ali di farfalla per
volare di fiore in fiore,
soffi di venti caldi
per spingermi nell'andare,
acque cristalline
da bere tra le mani giunte
per darmi forza ed energia.

Correvo, veloce controvento,
sfidando caldo e freddo,
sfinito posavo il mio corpo
sull'erba fresca
e rivolgevo gli occhi al cielo
a guardare le strane
forme delle nuvole
e a pensare al mio futuro.

Il futuro è passato,
il futuro è presente,
il futuro è finito,
e non è il mio futuro.

 

3
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 14/05/2013 21:35
    Poesia triste, vera e commovente. Il peso della vita, che non fa sconti specialmente alle persone che generose si sono date agli altri, è insopportabile. Ma tu puoi vivere l'istante, con la tua chitarra, con persone vicine che ti vogliono bene. Passato e futuro non esistono. Cerca di respirare, riposarti, rinnovarti. Un saluto.
  • Anonimo il 14/05/2013 19:52
    Da leggere, rileggere e poi ancora rileggere. Nessun commento può esprimere in maniera compiuta la bellezza di questa stesura che rimane nel cuore e nell'introspezione di ciascuno si possa considerare sensibile.
  • Anonimo il 14/05/2013 18:13
    Veramente molto bella e significativa. Molto sentita. Bravo Vicenzo.
  • Rocco Michele LETTINI il 14/05/2013 14:47
    IL PESO DEGLI ANNI IN UNA MIRABILE SEQUELA DI RIMEMBRANZA INTRISA, OVE UNA CHIUSA DI RIFLESSIONE, NE ESALTA L'INTIERO COSTRUTTO.

2 commenti:

  • silvia ragazzoni il 14/05/2013 18:27
    Bellissima Vincenzo!!... questa tua poesia mi fa tanto pensare a una persona importante per me è quindi mi ha commossa...
  • Anonimo il 14/05/2013 14:47
    Spesso questo tuo, così egregiamente espresso, è anche il mio sentire! Grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0