accedi   |   crea nuovo account

L'urlo del passato

Le terre desolate,
lande in cui la speranza non fa più ciao con la mano,
ghiacci che sussurrano offese alle orecchie di tutte le piante
e volti che cambiano.

Il cavaliere mezza testa cerca sempre,
fiato sul collo dei grandi uccelli neri e forza al cavallo.

Seneca, vai sfreccia nel tempo e non aver paura!

Nessuna paura per i mali che hai dentro,
nessuna paura delle porte ormai chiuse.

I fanghi e le sabbie lontane aprono varchi fino in cima al presente
ma sono solo apparenze,
niente di più di parole da bar, davanti a birre calde e tavolini congelati.

Gemelli,
luci e ombre,
detto e fatto,
chiavi.

Respiri presi e aria che proprio non poteva restare fuori dai polmoni,
che voleva entrare ad ogni costo, prendersi il suo spazio.

era il mio.
Suoni e preghiere tra l'abisso e il mare di possibilità.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0