accedi   |   crea nuovo account

Magico vissuto

I dolci ricordi dell'infanzia con
le favole e i baci della nonna,
le corse sui prati verdi e fare
cucù da dietro una colonna.
Ridere, ridere per piccole cose
e cantare, stonata, a squaciagola.
Raccogliere la neve in un bicchiere,
spremerci dentro un succo di limone
e aver la sensazione di gustare il
più buon gelato artigianale.
Correre a casa dalla scuola, mostrare
il bel voto preso e l'orgoglio dentro
per i brava e i complimenti.
L'adolescenza e il primo amore, quello
che non si scorda mai, che ritorna in
mente quando stanca e triste vorresti
ritornare indietro.
Il grande amore, quello che travolge
l'esistenza, quello che non dovrebbe
mai finire e si trasforma con il
tempo in tenerezza.
I meravigliosi e teneri bambini,
così belli che ti chiedi, ma sono
figli miei? Un amore profondo ti lega
a loro e fra pappe, pannoloni, notti
in bianco, svanisce tutto il resto
dell'universo.
Questo è il vissuto che voglio
ricordare, questi i magici momenti
che porterò con me, in quel luogo dal
quale non si puo' tornare.

 

5
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 04/12/2013 22:51
    Tenera descrizione di una vita che lascia in mente teneri pensieri ed in bocca un dolce sapore di gelato "artigianale", come le mie "cannolate" di more schiacciate dentro un pezzo di canna a mo' di bicchiere con una bacchetta che poi ci aiutava a gustare il dolce liquore che si produceva al suo interno e colorandoci la bocca ed il viso di un violetto di cielo al tramonto.
  • luca il 16/05/2013 19:45
    favolosa, scrivi veramente molto molto bene complimenti
  • Rocco Michele LETTINI il 16/05/2013 18:31
    UNA SEQUELA DELLA PRIMIERA ETA'... QUELLA DEI SORRISI E DEL SERENO... IN UNA NOSTALGICO E AMOREVOLE VERSEGGIO...
  • Anonimo il 16/05/2013 17:38
    Si ricordano le cose vissute intensamente e, a quanto pare, tu ne hai molte. Segno che sei riuscita a cogliere il meglio del vivere. In fondo, le emozioni e i valori umani sono la cosa che rimane in noi e anche in chi ci è stato vicino.
    Per il resto, non si può tornare, ma forse è meglio andar sempre avanti verso un continuo divenire.

6 commenti:

  • Fabio Magris il 21/05/2013 00:20
    È un vero piacere leggerti. Belli i ricordi del passato. Ci trasmetti le tue emozioni. Complimenti
  • Maria Rosa D. il 17/05/2013 17:05
    Hai ragione Salvatore, bisogna andare sempre avanti con una sbirciatina, ogni tanto, al passato. Ciao.
  • Maria Rosa D. il 17/05/2013 17:03
    Grazie Rocco, i tuoi commenti sono poesia. Ciao.
  • Maria Rosa D. il 17/05/2013 17:02
    Grazie Ugo del tuo sempre apprezzato commento. Non sapevo che fossi anche in questo sito. Abbraccio.
  • Ugo Mastrogiovanni il 17/05/2013 10:15
    Ben calibrate le figure della memoria; versi per riorganizzare e onorare i ricordi, quel libro mai lacero, ben rilegato, sempre aperto con la sua musica di sottofondo che nasce solo tra quelle pagine.
  • loretta margherita citarei il 16/05/2013 17:34
    bei ricordi, apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0