accedi   |   crea nuovo account

Le piogge di Belgrado

Piove sulle mie speranze di libertà,
su ciò che rimane della mia felicità,
su questo fallito con in testa un tirolese
che sembra leggero per il freddo di ogni mese.

Piove su una Belgrado devastata dalla guerra,
la mia città crolla per il dominio di una terra,
che non porterà niente nelle tasche dei signori,
semmai rovinerà un uomo e fin troppi straccioni.

Odo una melodia che quasi combatte con le urla:
è lieve e ben nascosta, ma riesco ad ascoltarla,
rinnega il senno dell'uomo che lo sfrutta con l'istinto,
perché una bomba a mano non basterà a salvarlo.

Uno zingaro è il signore di queste soavi note:
almeno per un giorno cura e non riceve ferite.
Una rossa fisarmonica asseconda le sue dita,
rinnovando nella morte le sue speranze di vita.

 

4
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 17/05/2013 18:43
    Molto melodica, scenario di distruzione guerresca sullo sfondo. Un savio che si dibatte tra l'odio e la violenza.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/05/2013 15:14
    Le ferite di una città... la stilla amara di un poeta... che suole riveder lo sole... Toccante versicolare nel suo profondo costrutto...
  • luca il 17/05/2013 13:24
    incredibile, un'intensità data dalle rime che rendono dinamico e acceso il testo e dall'ossimoro finale, contrapposizione di morte e vita, wow... apprezzatissima

1 commenti: