accedi   |   crea nuovo account

Non sò amare

Ti ho fatto soffrire, perchè sto ancora male
ma non merito giustificazioni, è il mio stato mentale.
La mia pigrizia, la mia pancia esagerata

le serate passate da solo, che ho pianto sul serio
che dovevamo piantarla subito, anche se era bello.
Non son fatto per amare, devo tornare ad amare me

ma il mio cuore bucherellato non resisterà senza di te
e non mi riferisco a te, ma all'amore universale
o della prossima donna, se mai ci sarà.

Come un tuono senza lampo improvviso una luce
tenue e dolce per tornar sensibile
per eliminare rabbia e respirare,

e ritrovare ciò che forse, non ho mai avuto.
Il mio ego spropositato, una volta era dedizione
agli altri, agli amici, ai familiari,

or mi sento indifferente. E se ti ho fatto piangere
maledizione, perchè non mi hai salutato subito,
sei stata opportunista, come io nel vederti

volto di una bellezza particolare, profumo
della tua pelle, da lasciarsi andare,
si, penso che qualcosa di bello

ci sia stato tra queste pagine da strappare
che non conservo più nel cassetto
che non ho mai capito fino in fondo

che non sei stata sincera
come non lo sono stato io.
Ma tutto questo non conta

tutto riparte da ora.
Spero il meglio possibile per te
ma guardati dai falsi adulatori

e non dimenticare chi davvero
ti ha fatto del male.
Che ricordo i tuoi pianti disperati

e mi dicevi che non era colpa mia.
Stai bene e starò bene
non ci sentiremo mai più,

che tu possa trovare la strada
per crescere e rinforzarti
e viver nuove positive esperienze.

 

7
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • mariateresa morry il 18/05/2013 23:44
    Quante cose grandi leggo qua dentro... nella storia di un amore finito, la consapevolezza di sè e del proprio limite, ma anche una ricerca non arresa di andare oltre... bella assai raf
  • Alessandro il 17/05/2013 18:45
    Saper amare, saper soffrire, saper infliggere sofferenza, a volte anche volontariamente. Qualità che tutti hanno, con le quali devono convivere. Piaciutissima
  • Anonimo il 17/05/2013 18:30
    Un testo significativo che svela la memoria, i sogni andati, le certezze di un tempo, ciò che era vero. Una velata nostalgia si stende sulle parole e sul fluire di questi versi che racchiudono il senso di un qualcosa che resta e che è assolutamente parte del passato. Molto espressiva e sincera.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/05/2013 14:45
    UNA SEQUELA DI MALINCONIA... IN UN RIFLESSIVO VERSEGGIO...
    IL MIO ELOGIO RAFFAELE, SEMPRE PREGNI DI RETTITUDINE...
  • luca il 17/05/2013 13:39
    mi piace, bravo bello stile luca

4 commenti:

  • stella luce il 17/05/2013 22:23
    Chissà perchè quando un amore finisce il senso di colpa pef nn averlo fatto ancira vivere ci percuote. Versi veri e sentiti...
  • Anonimo il 17/05/2013 16:15
    Si percepisce ancora dolore nei tuoi versi...
    Poesia triste, molto sentita.
  • - Giama - il 17/05/2013 15:04
    quasi il testo di una canzone; si legge tra le righe un sentimento ancora acceso, simile a brace nascosta...
    molto molto bella!
    ciao Giama
  • karen tognini il 17/05/2013 14:03
    Quando finisce un amore rimangono i ricordi.. l'amarezza che non sia andata come si credeva...

    Bella Raffaele...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0