accedi   |   crea nuovo account

Il mio girasole gira

Il mio girasole gira
così il pane con i semi spessi
parmi più buono
se tenuto in bocca.

Obliqua il sole,
con un occhio fisso
e sale ragazzo
cimbali scuotendo.

La terra agita la chioma
decisa al risveglio
e all'avventura.

 

5
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 03/10/2013 21:41
    Un grande filosofo del passato annoverava tra gli ostacoli che l'uomo deve rimuovere dal suo cammino le ambiguità del linguaggio le favole e l'arte in genere. Se avesse ragione con una certa angoscia mi chiederei che cosa ne sarebbe della poesia? Come potremmo esprimere i nostri pensieri più profondi? Come potrebbe M. T. Monry liberare le sue più armoniose e struggenti composizioni che sono profondamente radicate nel suo animo? Come potrebbe cantare la sua Città, l'atmosfera la struggente solitudine in cui lei è nata? "Sbuccio arancedavanti alla finestra. Gli angoli dei tettirespirano. Questo cielo su noida penetrare in purezza, le nostre pietre a terra". E la città che lei ama sopra ogni cosa si mostra ai suoi occhi come un quadro del Canaletto; bella ed inconfondibile, i suoi confini sono quelli che il sogno gli concede. Ma oltre alla città dorata c'è anche quella delle umili calle, la Venexia dei cittadini che lavorano nelle piccole officine e dei venexiani con le abitazioni mangiate dall'acqua, silenziose ed immerse in una sorta di nebbiolina. La Poetessa al traguardo dei suoi sessant'anni si guarda indietro e stila un consuntivo della propria vita. Debbo dire che lo fa con molta ironia e con pacata determinazione, scrive versi con cui lei stessa per prima prende visione della sua nuova vita. "Ignoravo i pensieri dei cinquantauno via l'altro li ho vissuti tutti, molti i miei " non"dell'essere ed avere, Un borsellino nuovo servirebbeper via delle troppe spesein tante fogge, tacchi e libriqualche concerto e romanzo breve". Così il suo essere libera, senza legami la rende certa che la sua posizione gli consente di affrontare con serenità il domani in cui, in momenti di crisi economica e di valori, il barometro segna tempesta: "pensieri borghesi non ne avevopatemi per i figli, poi, nemmenoson figlia di me stessa e questo basta". E parla con la poesia della vita che si è proposta in maniera capricciosa, "La vita ha fatto come le è piaciuto, un poco l'ho inseguita e morsicata, e a provocarmi ce l'ha messa tutta". L'amore per la natura è tra i temi che la Morry svolge con più passione ed in questi versi c'è tutta la dolcezza che in altri componimenti tiene nascosta, quasi a volerla proteggere dalla durezza e dalle lotte che nel quotidiano è costretta a combattere, "Dal portone di casaentra la tenerezza del cortile, l'odore delle case apertei fiori inaspettati e nuovila luce che discende alle cantine". Per chi è costretto a vivere in una laguna ogni albero, un tralcio di una vecchia pergola una piccola aiuola hanno un valore inestimabile, perderli vuol dire perdere una parte della memoria della città che a quel microscopico pezzo di natura è legata, immensi e pieni d'amore gli occhi che scrutano la vite secolare che lei può ammirare: "Ritorno a questo pergolato, un sussurro di foglie cupee tralci dimentichi e rappresinello zucchero animato dagli insetti".
    Non c'è dubbio, è poesia del cuore che piace e che dà gioia a leggerla.
  • Anonimo il 18/07/2013 10:59
    Deliziosa poesia che mi fa pensare all'esaltazione dell'amore naturale e carnale. La vita va vissuta intensamente!
    Ti colloco tra le belle!
  • Raffaele Arena il 06/06/2013 00:12
    Sentimnto solare espresso metaforicamente con il simbolo di un fiore meraviglioso. Originale e carina.

8 commenti:

  • mariateresa morry il 24/10/2013 22:47
    Siete tatti troppo generosi... grazie a tutti.
  • augusto villa il 26/09/2013 09:26
    Molto bella e ben scritta.
    Affascinante... l'immagine che proponi negli ultimi tre versi...
    Complimenti! ----
  • Giuseppe Amato il 18/07/2013 10:20
    l'inizio semplice e positivo d'ogni giornata colto con l'indicazione del girasole, la semplicità del trattenere il pane in bocca e quello "cimbali scuotendo" mi rendono allegro Ciao
  • Anonimo il 03/07/2013 18:00
    Una poesia breve e luminosa. Brava
  • salvo ragonesi il 28/05/2013 07:46
    un bel ritorno alla vita. bella. salvo
  • mariateresa morry il 19/05/2013 08:29
    che bello trovarvi qua voi due... ciao cari..
  • Anonimo il 19/05/2013 07:48
    Sentore di voglia di vivere... versi diffusi di luce e serenità! Bella bella, Maria Teresa.
  • roberto caterina il 19/05/2013 06:29
    Un bel risveglio Maria Teresa che manda via tutti gli orrori...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0