username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Luna

O Luna, sei lancetta
del mondo. Le rovine
d'un regno annichilito
contemplerai. Mi senti?
Non parli ma ben sai.

Senz'odio e senza fretta
avrà coperto infine
un drappo scolorito
remoti discendenti,
e ancor tu brillerai.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

12 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Federica il 01/06/2013 11:02
    Muta spettatrice dell'odio e della morte, ma anche dell'amore.
    Hai saputo suscitarmi l'angosciosa e continua presenza della Luna, seppur terribilmente affascinante e suggestiva.
    Evocativa
  • Don Pompeo Mongiello il 28/05/2013 08:08
    Un laudo sincero per questa tua eccelsa!
  • ciro giordano il 22/05/2013 21:21
    Il muto testimone delle nostre notti, in tutti i sensi.. Ha qualcosa di inquietante nella sua luce fredda, e ben lo hai messo in risalto... Passano ere, regni annichiliti, drappi scoloriti, e lei, sempre lì... bella
  • Anonimo il 21/05/2013 19:16
    Una LUNA silente, questa dell'autore, che, spesso, entra nelle storie degli uomini, non solo in quelle dei poeti, scrittori, pittori ed artisti in generale, tacendo ma divenendo testimone misteriosa di pensieri e momenti vitali dell'esistenza. Romanticizza poesie e racconti, rendendoli più affascinanti. Illumina e, talvolta, nasconde, ove si posa, modificando i lineamenti e le cose che fanno vibrare d'emozioni l'anima di chi la contempla. Lirica piaciuta molto!
  • Arcturus il 21/05/2013 15:35
    La silente Luna, che già nel Leopardi rappresentava la natura inesorabile e che non dà risposte. Quando il mondo degli uomini sarà polvere, lei sarà ancora là.
  • Anonimo il 21/05/2013 13:33
    Il dialogo con la luna è dolce e struggente, simile a quello che il Leopardi intrattiene con la sua opera Alla luna.
  • roberto caterina il 20/05/2013 22:17
    Una bella invocazione-preghiera che riprende gli stilemi classici e si lancia verso un remoto futuro.
  • Anonimo il 20/05/2013 20:09
    Bellissima e originale molto intensa complimenti!!
  • luca il 20/05/2013 20:00
    incredibile ode ad una luna che non può che essere felice da che tu hai tessuto mirabilmente le sue lodi, bravo
  • Anonimo il 20/05/2013 19:46
    La luna rappresenta il mistero, l'ombra luminosa, l'inconscio. Ma tutto si muove verso una direzione escatologica; è solo diverso il tempo.
    Molto bella!
  • Rocco Michele LETTINI il 20/05/2013 19:10
    La luna... l'amica della mia notte...
    Quanto sublim decanto l'hai lasciato... IL MIO ELOGIO ALESSANDRO
  • Roberto Fontana il 20/05/2013 17:50
    Eppur' la fine per lei dovrà giungere... forse prima del necessario.
    Il periodo gioca fra i settenari nella prima stanza, amalgamandosi mediante musicalità, mentre nella seconda parrebbe più coincidente. Una poesia lieve e lavorata.

5 commenti:

  • - Giama - il 28/05/2013 20:08
    Libera, senza schemi, eppure il richiamo del bello invade il verso...
    Rime che si guardano distanti, con fare civettuolo...
    invitano ad un ballo, al chiaro di questa Luna.
  • Anonimo il 26/05/2013 13:53
    Bella. Mi fa ricordare "Alla luna" di G. Leopardi. Bravo
  • tabellina il 25/05/2013 07:49
    Bella questa luna testimone degli eventi
  • Anonimo il 20/05/2013 19:47
    Bellissima, mi piace molto perchè la sento mia!
    O Luna, sei lancetta
    del mondo. Le rovine
    d'un regno annichilito
    contemplerai. Mi senti?
    Non parli, ma ben sai...
  • stella luce il 20/05/2013 17:45
    la luna. che da sempre è là ferma nel cielo... tutto. ha veduto ed ancora brilla e continuerà a farlo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0