accedi   |   crea nuovo account

è primavera

Piove. Le gocciole cadono
leggere su alti cipressi,
fino a terra, bagnando prima ulivi più bassi.
Le viti aspettano un sole ancora troppo lontano.
Piove, sulle verdi sponde delle colline.
Piove, sul viso dolce di due bambine.

Guarda. S'intravede un sole lontano,
scalda tenue il nostro viso,
con un dolce bacio affiora un sorriso.
Solo noi passeggiam sul colle asolano.
Senti, il pungente profumo del pino
Senti, il silenzio del borgo vicino.

Odi? Tutto tace.
Irreale questo scenario di pace,
par che il villaggio non voglia rinvenire,
che dal sonno profondo non possa sfuggire.

Accanto a me sospiri piano per la fatica
e tra i tuoi biondi capelli passo le mie dita.
Sulla tua rossa pelle, il sole batte i suoi raggi
E mi perdo nei tuoi verdi occhi come fossero due miraggi.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • luca il 20/05/2013 21:01
    molto bella, possibile che mi ricorda un po' la pioggia nel pineto di gabriele d'annunzio?? non vorrei sbagliarmi, stile eccelso, bravo

2 commenti:

  • Daniele Alato il 21/05/2013 10:33
    grazie! per me d'Annunzio è un po fonte d'ispirazione. cercherò di essere più neutrale
  • loretta margherita citarei il 21/05/2013 06:17
    apprezzata molto complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0