PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lu luccio, lu cigno e lu granchiu

lu cigno, lu luccio e lu granchiu - vernacolo spoletino-

quanno li cumpagni de lavoro
nun vonno d'accordu fra de loro,
nun se po fa niente
'gni fatica è vana, inconcrudenne.

Un granchiu, un lucciu e un cigno un ber mattinu
vuliano spostà nu carrettinu,
mettettero li sforzi tutti quanti
assieme, ma lu carrettinu
lì armanette, nun fecenno
un passu avanti.

Leggeru de peso a tutti pare
ma lu cigno ner cielo vo volà
lu granghiu arretro solo sa camminà
lu luccio drendo l'acqua vole sta.

Chi dei tre raggione cià
nun se sa...
ma lu carrettinu, fermu, armane là.

TRADUZIONE
quando fra i compagni di lavoro
non c'è accordo fra di loro
non si può far niente
ogni fatica è vana e inconcludente.

Un granchio, un luccio, un cigno
un bel mattino,
volevano spostare un carrettino
insieme misero gli sforzi tutti quanti
ma il carrettino lì rimase
senza far un passo avanti.

Leggero di peso appare
ma il cigno vuole solo volare
il granchio solo indietro sa andare
il luccio dentro l'acqua vuole stare.

Chi dei tre ragione ha
non si può sapere,
ma il carrettino fermo
di certo rimane...

 

10
6 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 31/07/2013 02:44
    molto apprezzata, complimenti
  • Don Pompeo Mongiello il 23/05/2013 13:30
    La traduzione inutile, l'originale bellissimo. Complimenti vivissimi!
  • Anonimo il 21/05/2013 13:44
    Bella parabola Lor! Un po' come quella dei galli che quando son troppi non si fa mai giorno.
    Se poi consideriamo che, fra i tre, ci possono essere due scansafatiche e uno solo a lavorare, la conclusione mi pare ovvia.
    Bravissima amica mia!
  • Rocco Michele LETTINI il 21/05/2013 07:48
    Tre soggetti inseriti ne la Commedia Italiana con la maestria di una grande poetessa e con la rabbia di una onesta lavoratrice...
    LA MIA LODE LORY
  • Vincenzo Capitanucci il 21/05/2013 06:56
    Quando il granchio pizzico la coda del luccio... il cigno smise di volare...

    Brava L'Or... sei grande..

6 commenti:

  • Anonimo il 21/05/2013 20:37
    Come tutte le favole questa divertente poesia ha la sua morale... molto carina. ciao
  • Anonimo il 21/05/2013 16:48
    Una bella favola scritta con maestria ma purtroppo vera! Faccio mio, il tuo commento!
    Brava mitica Lor!
  • - Giama - il 21/05/2013 16:39
    ce ne vorrebbe uno solo con le pinze del granchio, con la forza del luccio e con le ali del cigno...
    bella lor, sembra una favola d'altri tempi, ma attualissima!
    ciao gia
  • laura il 21/05/2013 10:20
    Davvero bella! se non si rema dalla stessa parte, la barca non si muove... quando vi è disaccordo, non si può fare nulla hai ragione... bisognarebbe capire che alle volte non si fa un torto solo al nostro compagno di lavoro, ma anche a noi stessi! molto bella piaciuta tanto!
  • karen tognini il 21/05/2013 07:10
    Grande Loretta.. bravissima... troppe teste di granchio... di luccio.. di cigno... insieme non posson far niente!
  • loretta margherita citarei il 21/05/2013 05:27
    OGNI RIFERIMENTO ALLA SITUAZIONE POLITICA ITALIANA è INTENZIONALE... 9 MILIONI DI DISOCCUPATI E LORO? CAZZEGGIANO COME SEMPRE

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0