PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guerra dilaga, noi addormentati

Cani addormentati, sotto il sole,
e bambini con il raffreddore.
Un aria che diventa appena

più respirabile senza macchinoni.
Ma ogni volta che sento un aereo
si creano in me strane tensioni.

Di una guerra troppo vicina,
che l'ennesima umanità la rovina.
Perchè non ci son più piloti militari

ma burattini a una consolle
che comandno droni
e son magari ubriachi.
E poi nonostante che

si provi qualcosa a cambiare
qualsiasi cosa, verso il baratro
continua ad andare.

Mi sento sconfitto ma ancor vivo
per ritrovar energia spirituale
che si unisca al tutto che è

per scacciare l'ombra eterna del male
e con una spada di amore e coraggio
poterla trafiggere ed esultare.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 22/05/2013 23:53
    E quanto hai ragione, sarebbe il momento di svegliarsi, di far guerra alla guerra, ma l'omerta a quanto pare è più comoda. Le nostre pigre coscienze preferiscono far finta che i mali del mondo non esistano.
  • Rocco Michele LETTINI il 22/05/2013 14:28
    SOLODAL TUO CUORE UN VERSAGGIO D'AMORE PER UN PROSSIMO DI FIDUCIA ET SPERANZA...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0