PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La fine dell'Eden

A causa di un mal funzionamento nelle condutture cerebrali
l'uomo
inquinò l'aria di un gas tossico

le piogge trasparenti del cielo si tinsero di colori scuri

l'albero dai fichi d'oro iniziò a produrre frutti avvelenati

la morte si propagò ovunque

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Eppure durante tutto il medioevo si conosceva ancora l'identità del frutto in questione: si trattava di un fico, quel dolce e succoso frutto estivo che fin dall'antichità si legava all'idea di fertili


4
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 07/03/2014 05:46
    Bella e interessante riflessione.. d'altro canto si dice <non me ne importa un fico secco> non <non me ne importa una mela secca> (scherzo).. versi taglienti.. l'uomo che si prepara con le sue mani.. cerebrali la propria sventura.. mi piace.. ciao
  • Anonimo il 23/05/2013 07:41
    Vincé, sei un mostro di sapere. E pensare che per tutta una vita ho creduto che fosse stata colpa di una mela! Invece c'era di mezzo il fico, anche se qualche maligno dice che si trattava di una fica, pagata a peso d'oro e d'incenso.
    In fondo l'Ente Degli Energumeni Nani, non è finito, ma si è trasformato in Partito Dei Lecchini, che sarebbe il nuovo Eden.
    Vincé ti applaudo
  • Rocco Michele LETTINI il 23/05/2013 07:04
    l'uomo
    inquinò l'aria di un gas tossico...

    E TUTTO SI STENDE SU LA SARCA DEL MARCIO...

4 commenti:

  • - Giama - il 23/05/2013 21:26
    Dal tono profetico, nonostante forse il male sia già avvenuto...
    Mi piace però pensare che non tutti i mail vengano per nuocere e che anche i frutti avvelenati possano divenire fertilizzante per dar nutrimento a frutti sani...

    Scusa, mi sa che sono uscito fuori tema...

    Grande sempre Vince!

    Gia
  • Anonimo il 23/05/2013 09:37
    scusa sorrido al commento di salva... la tua lirica dice molto... purtroppo l'uomo non sa fare altro... sempre bravo...
  • karen tognini il 23/05/2013 07:57
    Vincenzo.. l'uomo si è bruciato gli ultimi neuroni da che mondo è mondo... non ne azzecca una..... ma te invece non ne sbagli una...
    sei grande!
  • Vincenzo Capitanucci il 23/05/2013 07:46
    Ti vidi sotto l'albero di un fico... sono un vento per fichi maturi... lol..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0