accedi   |   crea nuovo account

Piccola genesi della fede

Dio
creò
l'uomo

anche se qualcuno sostiene il contrario

Dio
dopo mezzo secondo

neanche il tempo di spazzolarsi i denti

-una semi eternità per noi -

si pentì
e mandò giù il risciacquo di un diluvio acqueo

ma l'uomo inventò un ombrello impermeabile ed un paio di stivaletti in pelle di ranocchia per non bagnarsi i piedi e saltellare indenne fra le vastità di immense pozzanghere

dal cielo cadde un fulmine

l'uomo schivandolo scopri il fuoco ed incominciò a cuocersi tutto quello che si muoveva intorno a lui compreso il suo vicino

inorridito Dio mandò sulla terra la Sua più bella e luminosa creazione

la Donna

l'uomo per schivarla inventò il gioco del calcio

la Donna schiavizzata diventò diluvio di pioggia fulmine e saette allagando il campo provocò una sospensione di partita

questo piacque a Dio

adesso tutti gli uomini vanno a messa la domenica mattina implorando un intervallo di bel tempo

 

6
6 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/05/2013 14:08
    Una storia fantastica da raccontare ai grandi col tg delle 20, al posto delle notizie politiche.
    Io so una versione differente. Sembrerebbe che Dio avesse piantato l'albero delle mele perché, non conoscendo ancora la palla, voleva giocare a tennis con Eva, con una mela.
    Senonché Eva, come si suol dire, mangiò la mela e tirò il torsolo al padreterno che, infuriato per loltraggio, le lanciò la racchetta che spaccò la testa a Eva.
    Dalla testa rotta di Eva venne fuori il diluvio e la gente che, dalla terra vedeva piovere al dì rotto, vide ch'era una cosa buona per i panni sporchi, che prima lavavano in famiglia, ed esclamarono: Eva come lava!
    E così nacque il carosello e la pubblicità esistenziale.
    Bravissimo Vincè, ottimo e abbondante!
  • Don Pompeo Mongiello il 24/05/2013 07:51
    Semplicemente fantastica e non so aggiungere altro.
  • Rocco Michele LETTINI il 24/05/2013 05:34
    IL MIO ELOGIO PER QUESTA TUA SIMPATICA SEQUELA...

6 commenti:

  • Anonimo il 24/05/2013 19:52
    Non ho parole Vincè, ma come ti vengonoooooooooooooooooooo!!!!!
    Mi hai fatto ridere! Fantastica!
  • - Giama - il 24/05/2013 18:27
    Letta di sfuggita questa mattina, e ti posso dire che mi ha illuminato tutta la giornata!
    Grazie Vincenzo!

    Strepitosa!

    Già
  • Anonimo il 24/05/2013 11:12
    mi hai fatto sorridere... troppo forte sicuramente piacerà anche al Signore!!! bravo come sempre
  • karen tognini il 24/05/2013 09:45
    Hai una marcia in più...... geniale ed originale come sempre... ogni emozione ne fai poesia...
  • essen rosa il 24/05/2013 08:25
    una goduria.. nel vero senso della parola.. tutti i versi scorrono con immediatezza e con forza.. fino ad arrivare alla Donna.. dove l'occhio si ferma ad osservare questa splendida e luminosa creazione... e qui mi sospendo e mi incarno nei tempi supplementari... Un piacere leggere quest'opera..
  • Anonimo il 24/05/2013 05:43
    Troppo forteee! Grazie per aver omesso la questione della costola... come tu la racconti, tutta "la storia" è più bella e regala un sorriso, che al mattino è un dono immenso. Grazie e buona giornata!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0