PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il gallo unto dal signore?

Un gallo tra lo spennato e il drogato
gridò: per vent' anni vi ho governato,
merito di esser meglio considerato.

Tutti nella fattoria facevan come
per sopportarlo, non fosse altro
per tutto il mangime che aveva elargito,

tanto che i polli del suo partito
erano confusi, ognuno per la sua strada.
Ecco che una gallina, aveva scoperto

alcuni suoi malaffari e il suo lato diabolico
tanto che voleva giudicarlo, davanti la corte
dei cavalli della giustizia.

Mai e poi mai, siete tutti dalla cresta rossa,
lui che oramai l'aveva imbiancata,
io sono uno statista, era preso da una svista,

ma i cavalli non hanno la cresta, sono animali nobili
e incorruttibili, tanto che l'anziano, oramai stufo
gli dette un calcio ferrato, sul culo spennato,
e lo spedì, che voliava di lì, preciso su un ufo.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/05/2013 16:44
    HUMOUR EFFUSO MIRABILMENTE... ACUTO L'INTERROGATIVO DEL TITOLO D'UNA METAFORA CHE CELA LO CONTEMPORANEO...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0