accedi   |   crea nuovo account

Un Folle

I miei Diavoli
Non mi lasciano
I miei Diavoli, mi scrutano
Sempre più
Mi guardano dentro
I miei Diavoli
Sanno
Loro sanno, mi consumano
Mi sorridono
Mi sussurrano
Mi trascinano
Sempre più
Mi allontanano da voi
Ci separano
E allora crescono
E vi scrutano
E vi sussurrano
E vi trascinano
Non vi lasciano
Sempre più
I miei diavoli vi amano
Ma non amano
Me
I miei diavoli

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Federica il 27/05/2013 16:46
    Ritmo angosciante e pressante, degno della mente vorticosa di un folle, come da titolo. Ben ponderata è l'assenza di punteggiatura, che suggerisce soffocamento e furia.
    Interessante!
  • Rocco Michele LETTINI il 26/05/2013 15:19
    Eh non ti sbagli Alessandro i propri diavoli adorano l'altrui tormentando il proprio personale esistere... Sagace verseggio...

3 commenti:

  • Anonimo il 26/05/2013 20:42
    Sei talmente intelligente e profondo che sia gli angeli che i diavoli ti adorano. Dentro ognuno di noi c'è un diavolo o diavoletto che spesso ci provoca. ciao
  • loretta margherita citarei il 26/05/2013 19:17
    bella introspezione, sono le nostre intime fobie che a volte ci bloccano, bravo
  • Anonimo il 26/05/2013 15:48
    forte introspezione... che ci fa riflettere... forte lirica ben scritta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0