username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Psiche

Nei meandri nascosti della mente..
quanti profumi e quanti dolori,
.. per un momento mi accorgo
della mia esistenza,
quella che è al di là della
mia stessa natura.

Immagini di vita vissuta,
o di mondi impossibili,
d'amore e violenza,
s'alternano repentinamente,
scatenando scintille d'alta tensione
che come in un vuoto d'aria mi lasciano sospeso.

Questi fantasmi sono immagini riflesse
del nostro essere, e si fanno innanzi
rivangando paure o ricordi felici;
... ed è forse questo quel che noi siamo,
un tutt'uno con la nostra coscienza
che vive sin dalla prima alba del mondo.

È un percorso intricato che traccia
una strada forse già scritta,
e che non può disgiungersi
dall'eterna ragione.

Così intricata è questa mente labirintica,
che talvolta ci avvinghia in una morsa di dolore
e c'invita a far i conti con quel che siamo...
esseri sperduti in una parte di chissà quale mondo.

 

3
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 08/10/2013 03:26
    Bellissima Giuseppe... nel labirinto della mente un filo d'Arianna... una strada già scritta... per sfuggire dalla morsa dolorosa.. del Minotauro..
  • Anonimo il 26/05/2013 15:17
    Un pensiero condiviso circa la realtà del nostro essere, come singoli e come elementi d'una realtà più grande a cui siamo legati.
    Poesia molto profonda.

3 commenti:

  • Anonimo il 26/05/2013 20:44
    Versi profondi. Molto bello l'incipit. ciao
  • loretta margherita citarei il 26/05/2013 19:18
    bella e profonda poesia bravo
  • Rocco Michele LETTINI il 26/05/2013 15:27
    Il saggio decanto di reale intriso... Sentita sequela diligentemente costrutta...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0