accedi   |   crea nuovo account

'A storia 'e nu scugnizzo

Tu scinne de' quartiere ogni matina
cu n'aria ca te trase dint' 'e vvene
e gguarde, arete e'llastre 'e na vetrina,
chill'atu munno... ca nun t'appartene!

Ma 'o vico tuojo nasconne ati bellezze:
na lenza 'e sole ca te scarfa 'o core,
nu munaciello ca te dà ricchezze,
na balcunata addó se canta ammore...

E 'a gioia che tiene è comme nu criaturo:
na voce che se' spanne mmieze 'a ggente,
scete 'o silenzio dint' 'a stu' vascio scuro
e dà allerezza a chi nun tene niente!

Pure io me sento ancora nu scugnizzo
pensanne 'e ssere tarde ca turnavo,
cu 'a cammesella nova sporche 'e pizza,
e mamma arete a porta c'aspettave...

E só crisciute comme stu' guaglione,
scansanne fuosse e pprete mmieze 'a via,
campanne cu' malizia e devozione,
mettenne mmano 'e santi a vita mia!

So' stato nu scugnizzo intelligente,
studiavo poco pe' mezzo do' pallone,
ma a scola ce so' gghiuto alleramente:
nun me so' perso manco na lezione!

Po' me faciette gruosso, asceve cu 'a guagliona,
na piccerella rossa, na femmena addirosa.
Pe nun restà scugnizzo, mbriaco 'e na canzona,
lasciai chilli palazzi e addore 'e terra nfosa...

Trent'anne so passate, e' corze, comme 'o treno,
ma ancora oggi io arape tutte 'e pporte:
pe figli l'aggia fa, pe tutto 'o bbene,
pecché nun l'hanno avé na brutta sciorta!

Traduzione:
Storia di uno scugnizzo

Tu scendi dai quartieri ogni mattina
con quell'aria che ti entra nelle vene
e guardi, dietro i vetri dei negozi
quell'altro mondo che non ti appartiene!

Ma il tuo vico nasconde altre bellezze:
un filo di sole che ti riscalda il cuore,

12

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/05/2013 15:43
    Vernacolese mirabilmente presentato...
    Verseggio che prende pel suo profondo e schietto meditar...

3 commenti:

  • Anonimo il 26/05/2013 20:53
    Bellissima ed emozionanteAdoro le poesie in dialetto e questa l'ho capita tutta perchè il dialetto napoletano ha molte assonanze con quello siciliano, il mio dialetto di origine.
  • loretta margherita citarei il 26/05/2013 19:34
    anche questa mi piace
  • Anonimo il 26/05/2013 15:19
    Il "napoletano" è una vera e propria lingua... niente traduzione per non sciuparne "la musica" e la storia della tua vita di scugnizzo cresciuto nel poco ma buono è... meravigliosa!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0