PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Valle delle fabbriche

Lavoro in fabbrica
fabbrico auto

demolisco sogni

dovrebbero
vietare
tutti i gesti ripetitivi nel lavoro

sono alieni alienanti bussanti alle ante della morte per monotonia sincronizzante

a parte
il masturbarsi le meningi ascoltando fra una sosta e l'altra di eccitante caffè "Amedeus Minchi" in

Vieni Amore

Lavoro
in fabbrica

mi tremano le mani

non ho una ragazza

sono un poco di buono

Lei
non ha occhi per me è la bellissima figlia fiat lux del padrone di casa

per Lei avrei tradito tutti i miei ideali sarei diventato ateo fascista esorcista
avrei messo un cravatta verde e bevuto le acque arancione del Po come se fossero state imbottigliate nella fabbrica dei miracoli di Lourdes e sarei andato in paradiso baciando i piedi ed il culo ai Monsignori con un biglietto di prima classe infilato nel bavero dell'occhiello come ricompensa

ma lei è di un'altra sponda irraggiungibile per me

io non sono ricco e non ho la facoltà universitaria di pensare

sono solo

il punto interrogativo di un operaio che fra oggi e domani non sa se essere una declinazione del futuro o una rottamazione del passato

sbavo solo

per le gonne delle ruote

leggo "Quattroruote"
masticando la mia anima in una ardua catena di montaggio senza lasciare troppe tracce di profumate scie sindacate

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

cattiva... sarebbe stata... troppe mance... di profumate...


1
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 28/05/2013 08:11
    Un laudo sincero e dovuto per questa tua eccelsa!
  • giuliano cimino il 28/05/2013 00:19
    quadro perfetto della società attuale e della classe operaia che oramai in questo paese vale meno di niente ma che fa crescere ogni nazione dell'universo infatti noi siamo messi male
  • Rocco Michele LETTINI il 27/05/2013 07:53
    PENSO A UNA VALLE DELLE LACRIME... DEMOLIRE I SOGNI IN UN PRESENTE OSCURO... METAFORICAMENTE DILIGENTE... UNA FRECCIATINA IN CHIUSA A L'INEFFICIENZA SINDACALE NON GUASTA... ENCOMIABILE SEQUELA VINCE'...

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 27/05/2013 18:53
    mi associo ad anna bravo
  • Anna G. Mormina il 27/05/2013 11:01
    ... purtroppo la società è questa... regnano povertà, solitudine,... è ladra di sogni e di Libertà... grazie Vincenzo, un abbraccio!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0