PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A te caro mio Angelo Custode

Quanti gli angeli gli arcangeli
queste entità celesti misteriose
che come il divin poeta canta
in Paradiso con i Principati
si giran e di Angelici ludi
agli occhi danno una mistica
visione? All'umano pensier
ardua difficile impossibile la conta.
Pochi pure i nomi conosciuti
dalle Scrittura Sacre solo tre
Michele Gabriele Raffaele
arcangeli ai quali soli si devono
riservare incenso onori invocazioni
dal popolo orante alle funzioni
la tradizion antica poi da tempo
in questa di lor sottile schiera
quattr'altri pur ne inscrive
di suo pugno il nome Anaele Azaziele
Ezechiel Uriel gli arcangeli minori
che coi primi s'alternano secondo
dall'Alto dettate indicazioni
le angeliche schiere a marciar fare
voi angeli di truppa e senza nome
qual sei tu mio Angelo Custode!
Anonimo del cielo mio compagno
solo Angelo Custode sei quando
ti prego solitario dai miei pensieri
dagli affanni della vita preso
mio solo mio non da invocare
con alcuno come ha voluto la Pietà Celeste.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • salvo ragonesi il 05/06/2013 19:25
    tutti abbiamo un anonimo angelo custode che invochiamo e sembra che ci ascolti. siamo fiduciosi sempre. bella veramente bravo. salvo
  • silvia ragazzoni il 27/05/2013 19:26
    Mi piace molto Giuseppe
  • loretta margherita citarei il 27/05/2013 18:37
    sempre belle le tue

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0