accedi   |   crea nuovo account

Pietas

Pietà reclama il corpore mio morto
ferito da mille venenati dardi
et insozzato da sanguigno desiderio;
Pietà reclama l'animo mio straziato,
gonfio di parto, generatore di mostri;
Pietà reclama il ventre mio
slabbrato da misera cupidigia,
squarciato da lama d'Inerzia;
Pietà reclama la vita mia perduta,
dono malgradito tra memori cimeli.

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/05/2013 04:04
    PIETAS gridata da chi non conosce che il lugubre quotidiano in una intensa, profonda, toccante poesia.
  • Anonimo il 27/05/2013 21:29
    La poesia, quando é del tutto estranea alle solite fonti di ispirazione come la luna, le stelle, il mare, l'amore, il cielo, diventa messaggio e denuncia. La durezza si impadronisce dell'animo umano e lo fa parlare affinché gli altri sentano e riflettano. Lettura, questa, che deve essere assorbita e metabolizzata, sofferta così come quanto e come racconta. Mi piace pensare, però, che la vita non é mai perduta.

1 commenti:

  • Anonimo il 27/05/2013 20:33
    Questa poesia esprime un profondo dolore, ma anche rabbia, quella sana rabbia che ti potrebbe aiutare a reagire, uscendo dal dolore. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0