accedi   |   crea nuovo account

L'oblio

se l'oblio tarda a venire
non mi svegliare ancora,
perche vorrei dardeggiare fiamme
col baluginìo degli occhi socchiusi
e tendenzialmente ammirare il tuo corpo
e profondamente amarlo armato di invidia

se l'oblio tarda a venire
riscaldami con la mano con cui volevi picchiarmi
e parlami di una tua invenzione che finisce appena la inventi
il fumo della tua sigaretta
tendenzialmente punge i miei occhi
e profondamente cercherò di capire

se l'oblio tarda a venire
fammi sentire adorato dagli uccelli
amato da un cane che di solita abbaiava al mio incedere
e fa che quel gatto dagli occhi cerulei non scappi se gli porgo
la mano che voleva picchiarti.
e tendenzialmente scappavano tutti
e profondamente me ne andavo triste

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • stella luce il 29/05/2013 21:41
    l'oblio forse come la morte... se essa tarda a venire, anche se la vita è "cruda" fammela vivere!!!!!
  • Alessandro il 28/05/2013 02:02
    Fuga crepuscolare del poeta deluso nell'oblio-rifugio. Apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0