accedi   |   crea nuovo account

Udienza

A chi mi dona udienza
io so essere grato
del tempo concessomi
che colma le lacune
di sogni
diventati perfetti
e lucenti deliri
o ambiziosi filosofi che vorrebbero
vedere meglio.

E il tempo è un pretesto
per trovare quanto già si ha
simile al piacere
che incontra l'amore.

A chi mi ascolta
io chiedo un impegnativo sempre
che concede abbracci
ad un parlar severo
e un dire quando ci si vede
"queste sono buone nuove"
se l'invidia non nasconde agli occhi
il cielo.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/05/2013 07:12
    ASCOLTARTI NON PUO' CHE FARSI UN PREGNO DI SAGGEZZA... HO SCORSO UN LODEVOLE VERSICOLATO...

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0