PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'uomo un innesto creativo

Se in un fiore di campo
c'è solo la mano di Dio

dietro ad una rosa

altezzosa e fiera
profumatissima e spinosa

c'è l'opera del nostro io

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

da una rosa canina... che abbaiava e non mordeva... alla seduzione giocante di una rosa baccara... dal gambo lungo... lol..


4
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/05/2013 12:09
    Rapida ed incisiva lirica, accostamento tra l'ignoto divino e quello che noi umani potremmo creare di bello. Complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 29/05/2013 09:33
    L'OPERA DEL NOSTRO IO NE LO PROFUMO DI UNA ROSA... NE LO GERMOGLIO DI UN SENTIMENTO... NE LA NASCITA DI UN AMORE PERDURO... LODEVOLE VERSICOLATO...

4 commenti:

  • - Giama - il 29/05/2013 20:38
    Innesto creativo manipolato geneticamente dall'io operante in ars divina...
    che perla Vince, sublime!
    Bravissimo!
  • loretta margherita citarei il 29/05/2013 17:11
    verissimo , condivido
  • Anna G. Mormina il 29/05/2013 11:04
    ... pienamente d'accordo con te Vincenzo!... bravo!
  • Don Pompeo Mongiello il 29/05/2013 10:52
    Perfetta, non si può dire altro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0