PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Morfeo

Figlio de lo Sonno
e de la Notte
si,
e le palpebre
mee socchiuse
co' no mazzo de papaveri
solleticando,
illusioni ver
me doni.

 

4
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/05/2013 12:01
    E adesso che siamo all'euro, come si dice euro dice, abbandoniamoci pure a Morfeo e facciamo in sogno marameo.
    Bravissimo don!
  • Anonimo il 29/05/2013 11:35
    molto bella e trasognata... morfeo ci aiuta a sognare...
  • Vincenzo Capitanucci il 29/05/2013 10:57
    I Sogni sono i figli della notte... e come ogni sentimento o cosa per i Greci divennero un dio...

    Bravo Don... possiamo continuare il mito... Morfeo... affascinato... quasi ipnotizzato dalle stelle... vide in cielo una costellazione... a forma di cetra o di lira... e da lì... nacque in lui il canto sognante... e divenne Orfeo... e dalla lira... si passò all'euro... di Euridice...

3 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 29/05/2013 12:48
    Bella la chiusa. Piaciuta molto questa tua!
  • Don Pompeo Mongiello il 29/05/2013 11:01
    Grazie carissimo Vincé e qui c'è il Morfeo con l'Orfeo che a braccetto vanno e tutti siam contenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 29/05/2013 10:59
    Nel sonno... c'è sicuramente... della papaverina... che crea visioni..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0