PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Necrologio per un cervello

Nacque come tant'altre creature
che pel mondo menan seco l'affanni.
Caro gli fu 'l cerebro più che 'l core,
apprendendo poscia a lodar anco
le piane meraviglie de' sospiri.
Crebbe di fibra forte e pretta,
nutrendo l'intelletto di beltate;
eppur il Globo s'affanna e gira,
corre e beve il sangue nostro.
More quindi pur il claro,
ch'io veggo di clarità imperituro.

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 26/10/2016 04:14
    molto bella.. complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 30/05/2013 05:45
    L'ORMA DEL POETA IN UN VERSEGGIO ALTAMENTE RIFLESSIVO... LA MIA LODE FERDERICA...
  • Alessandro il 30/05/2013 01:07
    Linguaggio di altissimo livello. La storia dell'umanità che crebbe con l'uso dell'intelletto, pur se la sua vita resta breve.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0