accedi   |   crea nuovo account

Campi di battaglia

Sangue e carne
e silenzio apparente
a soli 10000 km. voci di festa animano un banchetto
a solo 10 anni in quello stesso luogo corse e risate di bambini
il ronzio delle mosche sembra raccontare di incontri
figli che confermano ai padri quello che già sapevano
volti che raccolgono le dolci tenerezze dalle madri
gli alberi ondeggiano al vento ed accettano con rispetto il dono inatteso.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alessandro il 02/06/2013 20:32
    Tra il dolore dei figli, la rassegnazione dei padri e il pianto delle madri. Fortunato chi torna indietro. Bella
  • Vincenzo Capitanucci il 02/06/2013 09:34
    Molto bella Giuliano... quelle mosche mi facevano pensare alle moschee di un paese arabo... ma 10. 000 km son troppi... mi portano all'estremo oriente... addirittura in Giappone... simbolo del sol levante... allora il dono diventa la luce del sole... e tutta la terra... un campo di battaglia...

    soltanto 10 anni fa... quel luogo era un posto di risate e di corse di bambini... quanti paesi potrebbero dire questo..,. e diranno questo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0