username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'ago dell'ego conquistatore

Quanto male a te che il buio hai vinto,
quando il tempo era appena nato
io uomo, l'ultimo arrivato,
da sempre in orbita indegno di calpestarti
senza mai aver smesso di pestarti.

Terra guardami tu ora,
naufrago del cuore
fin dove mi spinge vago l'ago dell'ego mio conquistatore.

 

5
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 05/06/2013 23:51
    Ho finito i miei limitati aggettivi per complimentarmi delle tue poesie. Ne invento uno nuovo antropoemozionante, con versi profondi, spaziale. Bellissima.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/06/2013 05:10
    Busso-là... in vesti d'Agone.. contendo cielo per il mio naufrago cuore... che mai non volle seppur lo fece... calpestar il suolo...

4 commenti:

  • Alessandro il 04/06/2013 18:51
    Quando il buio ha vinto, l'anima è adombrata dall'ego. Piaciutissima
  • - Giama - il 03/06/2013 21:37
    Un connubio, un legame quasi materno con la vita, con la madre dell'essere in vita, la natura; e noi figli ancora inconsapevoli di questo amore assoluto, in cerca di una direzione, la via, che possa restituire altrettanto amore donatoci dalla madre stessa...
    Splendida!
    Ciao Bro!
  • Anonimo il 03/06/2013 19:12
    Sei sempre un piacevole " momento " ...
  • Matteo il 03/06/2013 03:57
    Poesia che mi lascia un amaro senso di egoismo. Funzionale e bella: complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0