accedi   |   crea nuovo account

Dinte 'a cuntrora

Me so' appartato
dinte 'a na' stanzetta
p'assapurà 'o riposo
da' cuntrora,
e me so' miso 'o scuro,
ngoppe 'o lietto,
cu 'a capa o' frisco,
pe nu'pare d'ore...

Dinte 'a penombra,
nu' silenzio 'e pace
che smorza,
a poco a poco,
tutte 'e vvoce,
mentre se infila,
dinte 'e ssenghe
'e na perziana,
nu suscio
'e ventariello
doce doce...

Me sento nu criaturo
senza 'e fforze,
cu 'a capa
ca nun vò
tené penziere.
E mentre m'arrevoto
Dinte 'e mmane
nu cuscino
io m'addurmento
'e corza,
a' suonno chino...

TRADUZIONE: La controra

Mi sono appartato
dntro la stanzetta
pr assaporare
i riposo della controra,
e mi sono messo al buio,
sopra il letto,
con la testa al fresco,
per un paio d'ore.

Nella penombra
un silenzio di pace
ce smorza,
a poco a poco,
ogni voce,
mentre si infila,
tra le fessure
di una persiana,
un soffio
di venticello
dolce, dolce...

Mi sento
come un bambino
senza forze,
con la testa
che non vuol
tener pensieri,
e mentre mi rivolto
tra le mani un cuscino
io mi addormento
di corsa a sonno pieno...

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 05/06/2013 07:37
    IL FESTIVAL DE LA CANZONE NAPOLETANA È STATO SEMPRE SEGUITO... AVREI GRADITO SENTIRE CANTARE QUESTO TUO VERSEGGIO... E PERCHÈ NO DA BRUNO VENTURINI...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0