PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

.. differenzazioni

Pare cò o tiempo
se vò accungià
e l'Estate vò arrivà,
chiurimm'o mbrell
e ce mettimmo
a mezz'maneche.

Mò m'appripar
bikini, custum e pantaloncin
e tutt'e matin
me vac'a stennere
cà panz'o sole.

Maggi'a fa
niro niro,
comm'e o carbone.
Eh, si, comm'e o carbone,
mica stò ncoppe e scoglie
e Nisida?
Lungo il Serio,
pare cà o Sole
te schifa,
te miett,
cu na santa pacienza,
ore ed ore stiso,
suoffre, sudi,
e quann'è sera
ti domandi:
addò stà l'abbronzatura?

E nun te può
manco tuffà,
l'acqua è gelata,
l'artrite o l'artrosi
è assicurata;
sai pò
l'anno cà vene
che cazz'e vernata?

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • francesco cannas il 10/12/2015 04:13
    molto ritmata e bella
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/06/2013 17:58
    Amico mio, grande poeta, ma che fai sul serio... vai a prendere il sole sulle sponde del Serio!? Ma vienitene qui da noi! Io il 14 a quest'ora sono sulle piagge di Palinuro! Un abbraccio; sempre bravissimo. Ugo.
  • - Giama - il 05/06/2013 20:33
    Gradevolissima, ottima per ritmo e stesura,
    Bravissimo!
    Ciao Gia
  • Anonimo il 05/06/2013 19:43
    troppo forte ezio poi in dialetto è acora più bella... ma che dici verrà l'estate mahhhh!!!!
    complimenti
  • loretta margherita citarei il 05/06/2013 18:20
    arriverà il caldo, piaciuta molto ciao amicone

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0