accedi   |   crea nuovo account

'O cunto de' cummare

'O juorne che murette mamma soja
Titina se facette venì 'e'mmosse,
chiagneva comme fosse na' criatura
e se sbatteva, forte, ngoppe 'o fuosso...

E se scippava 'a faccia, 'a scellerata,
cercanno 'a cumpassione de' pariente,
mentre alluccava comme na' dannata
e' se faceva mantenè da' gente!

"Si rispunnesse 'a mamma a' sottoterra",
dicevano 'e cummare a'mmeza voce,
"ce raccuntasse 'a storia 'e tanti guerre
e tutte 'e vvote che l'ha mise n'croce!
Dint''o quartiere o'ssape tutta 'a gente
e'ppene c'ha sufferto sta cristiana
annanze a chesta figlia preputente
che nun l'ha dato mai n'ora serena!"

E mmò Titina corre 'o Campusanto
e ngoppe 'o fuosse cerca 'a penitenza
pe 'se fa' perdunà cchiù 'e nu peccato,
pe' nun tenè rimorse cu 'a cuscienza...


Traduzione:
il racconto delle comari

Il giorno in cui morì sua madre
Titina diede in mille escandescenze,
piangeva come fosse una bambina
e si sbatteva forte sopra il fosso...

La scellerata si graffiava la faccia
cercando compassione nei parenti,
mentre gridava come una dannata
e si faceva trattenere dalla gente!

"Se la madre potesse rispondere dalla terra"
dicevano le comari sottovoce,
"racconterebbe la storia di tante
sue guerre e tutte le volte che
è stata messa in croce dalla figlia!.
Nel quartiere tutta la gente conosce
le pene che la poverella ha sofferto
davanti a questa figlia prepotente
che non le ha mai dato un'ora serena!"

E adesso Titina corre al camposanto
e sopra il fosso cerca penitenza
per farsi perdonar più di un peccato,
per non tener rimorsi di coscienza...

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 07/06/2013 07:13
    magia musicale del dialetto... bellissima Salvatore... ah se i morti potessero parlare... ma tutto il paese... sicuramente lo sa...
  • Anonimo il 05/06/2013 19:38
    Molto bella. piacevolmente musicale la stesura dialettale e vera. In effetti, succede proprio così; del morto ce ne frega poco sia da vivo che da morto. I pianti non sono di rimpianto, ma per metterci a posto la coscienza e, spesso, anche per l'occhio della gente!

1 commenti:

  • SalvatoreCierro il 05/06/2013 23:06
    potrebbe essere una bella tarantella, bell'uso del napoletano, e cummare sanno semp e fatt e tutte quant'! Una tarantella per una tragi-commedia napoletana, i miei complimenti, ho scritto pure io qualcosa in napoletano, se vuoi e puoi passa, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0