PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dio

Dal vostro
poetar
di un'onda divina infranta

respiro
l'imago

- non di una fatal quiete ma di una dolce sorgente sorta in mezzo alle tenebre pronta a trasformarmi da ratto in cervo

a me si cara vieni -

d'un lucente
balsamico
alogeno

faro a iodio

d'un io
illuminato

magico
d'amore

amico
della notte

e generatore di sole

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Da qui tiro giusto una ghiandolare idea... la carenza di iodio diminuisce la funzionalità tiroidea e può causare una degenza nel cretinismo... per mancanza d'una i-dea d'intelligenza divina... lol..


3
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/06/2013 12:48
    Purtroppo alla carenza di iodio, si contrappone l'eccesso di io dio e allora al balsamo alogeno partorito dal faro poetico del pensiero si sostituisce lo stop della fatal quiete, che miete la notte.
    Ma quando lo iodio sniffato nell'aria marina illumina l'io suo senza dio, allora la notte è una magnifica notte di notte con poeti e mignotte... e allora chi se ne forte della notte!
    Vincè bellissimo concetto... con un pizzico di pasquale!
  • Rocco Michele LETTINI il 07/06/2013 05:33
    MIRABILMENTE FORGIATO IL TUO POETAR DILIGENTE...
    UN'ACUTA RIFLESSIONE NE LA PUR VERA NOTA...
    IL MIO ELOGIO VINCE'...

5 commenti:

  • Alessandro il 08/06/2013 13:05
    Una spiritualità universale che non esclude una luce superiore pronta a donarci io-dio. Bella
  • - Giama - il 07/06/2013 20:12
    La luce come manifestazione dell'io divino, che si manifesta nel sensibile e diviene conoscenza che si emana generando e diffondendo l'elemento divino stesso presente nell'anima di ciascun uomo.
    Da Aristotele al neoplatonismo, fino a Sant'Agostino...

    Incredibile Poesia
    Vincenzo!

    Già
  • Anna G. Mormina il 07/06/2013 13:29
    Il tuo "... io illuminato, magico d'amore, amico della notte e generatore di sole...
    ... sempre così ti ho immaginato e conosciuto...
    ... bravissimo, geniale!!!
  • essen rosa il 07/06/2013 08:38
    in questa mattina di sole alto.. trovare Foscolo e Petrarca.. non e' cosa da poco.. se poi da questo si fa alto quell'io illuminato... c'e iodio a sufficienza per la tiroide.. bravo
  • loretta margherita citarei il 07/06/2013 04:25
    sempre originali le tue, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0