accedi   |   crea nuovo account

... l'età è l'età

Tutt'e nott, dint'o liett,
mentre stò tra veglia e suonno,
sent'a Tè ca mastrie.
Po te miette, sott sott
con il fare di un torello,
sbuffi, scalci, fai il monello.

Sento l'alito sul collo,
mille mano ca tasteano,
ddoie tenaglie ca me stregniano,
e la tua virilità.
Bella, pronta,
nà surpresa;
e me pare ca o bò fa.

Stà surpresa mi incoraggia,
mi denudo, po' t'abbraccio,
te sussurro doce doce:
gioia mia, che me vuò fa?

M'accarizz cù passione,
me scumbin, me strapazzi,
m'arrevuote tutt'e sens;
mò facimm cos'e pazz.
Chiudo gli ochhi,
apro le braccia;
voglio fondermi con te.

Me purtate n'copp'a Luna,
vir e nun me fa cadè.

A chi a dico stà preghiera,
è una notte come le altre,
tutt'assieme, all'impruvvis,
ti si affloscia tutt cos.

Chell cà succed'a notte
manda in crisi il nostro amore,
l'omm mio s'appucundrisce,
dice: basta con ll'ammore.

Ma che dici, mi ribello,
non c'è niente di più bello;
Nuie ll'ammore l'hamm'fà.

Vai dal medico Pascà,
fatte dà nu stimolante,
qualche cosa cà te cura
che ti fa tenere... duro.

 

4
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • - Giama - il 07/06/2013 20:59
    Grande Ezio, meravigliosamente scritta e lascia intendere delicatamente fino alla delicata chiusa molto spiritosa.
    Una poesia brillante e particolarmente piacevole!

    Bravissimo!

    Ciao Gia
  • Anonimo il 07/06/2013 12:16
    ben scritta ironica, simpatica alla lettura... in dialetto ancora più piacevoleil mio elogio bravo ezio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0