PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Canto VIII

Tono solenne riprese la morte
guardommi un poco con occhio
infuocato e mi disse:
- Or dimmi di te, mondano
peccatore
che tutte conosci e disgrazie del mondo-

- Nacqui in quello che si dice un paesino
pur essendo in Italia conosciuto,
sul mare rispecchia il suo viso di marmo
possente di navi e grande di cuore
dell'epoca tua ho studiato costume con gioia
anche la opra di colui
che tu stesso prima hai conosciuto
le sue terzine mi scorron nelle vene
e io gli do grazie per la sua bravura
immane
avevo un amore, un amore grande
il suo nome iniziava per s, ne sono
sicuro
ma di mente mia ha cancellato ricordo
l'amavo
m'amava
ma per puro gesto d'egoismo
privai me stesso di questo grande dono
ricordo che litigavo
ricordo che litigava
ma il mio cuore duro come questa
roccia che qui poggia
avanzò imperterrito in sua corsa
escludendo lei d'esta vita mesta
or spiegami Signore perché
ogni volta che amo ci dev'essere
in mezzo il mio egocentrismo
che la vita non mi tolse-
cominciai io in tono lacrimoso
che le gocce cadendo a terra
si fecero di pietra
come i mio cuore di basaltica
ossidiana
che prima era calda come lava e poi diventò
scura come tale...

- Ti dico che era un giorno
intento a rappacificarmi
quando lesto il tempo mi precedette
e mio sguardo di lì cedette
vidi io quella donna che prima ebbi amato
abbracciata al corpo di colui
che prima di me la prese

12

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/06/2013 15:55
    Caro Luca, su questo impianto e linguaggio aulico si innesta una storia "moderna", ed ecco che da un esercizio di stile si arriva a qualcosa di molto originale e affascinante, fuori dal tempo eppure attuale.
    "l'amavo
    m'amava
    ma per puro gesto d'egoismo
    privai me stesso di questo grande dono
    ricordo che litigavo
    ricordo che litigava
    ma il mio cuore duro come questa
    roccia che qui poggia
    avanzò imperterrito in sua corsa."
    Arriva al cuore davvero, sai?

3 commenti:

  • luca il 08/06/2013 16:48
    Grazie mille romi, é proprio cio che cerco di trasmettere con la mia poetixa, grazie ancora
  • luca il 08/06/2013 14:27
    Ok antonella, forse non hai capito una cosa, questi canti che pubblico sono dri canti di una mia opera in canti, raccontano una storia, che pero rispecchia la mia, cmnq ti ringrazio x il commento grazie ancora
  • Antonella Parisi il 07/06/2013 22:28
    Non la vita ma un cuore... non l'eterno ma un fiore. Vivere senza amore non ha senso. Vivere non apprezzando la semplicita`delle piccole cose non e`aver vissuto. Ama... e non aver paura dei sentimenti. La ricchezza di un un uomo sta nella forza dei suoi sentimenti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0