PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giorni spensierati

Ho imparato, leggendo,
un nome sodo:
Gacumbitsi, il sindaco macellaio.

In questi giorni d’infinita superbia

Dove le foglie più esili
Si credono
Arbusti
Giganteschi.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 08/04/2008 14:39
    Le pue parole mi ricordano i passi dell'umiltà, sempre, anche quando me ne dimentico e alzo la cresta. Grazie. nel
  • Ezio Grieco il 30/08/2007 23:58
    ... ti ho dato dieci, anche per compensare il voto del solito miserabile.
    Cl

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0