PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La guerra pubblicitaria

Mettiamo la bella in copertina
compri il giornale e ti vien male
non tanto dall'estetica delle foto

talvolta, bisogna saper scegliere,
dal contenuto. Insomma, un colpo
di pistola. Poi accendi il televisore

una mitragliata su tutti i tipi di merendine
l'imboscata poi è al supermercato
hanno fatto fuori un gruppo di consapevoli

ingannati da finti prodotti biologici,
acquistati senza accorgersene, ma oramai
passata la cassa. Alcuni si suicidano

dopo tre estratti conto di banche diverse,
ma non ne avevo una? Poi l'armata imperterrita
dichiara la crisi, ma di che? Di intelligenza?

Chi troppi e chi senza. Poi cartelloni pubblicitari
con tette che ti fanno sbandare se guidi
e mi domando quando ho comprato tutti gli oggetti

che mi circondano, e che non riconosco utili
se non forse una ventina... La guerra continua.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 09/06/2013 20:32
    Tutto è business, tutto è immagine/oggetto. Per farci sentire il bisogno del superfluo. Mirabile critica.
  • Rocco Michele LETTINI il 09/06/2013 14:08
    DILIGENTE SEQUELA RAFFALE DI UNA SOCIETA' A LO SBANDO PER LI TANTI INGANNI CHE LA OPPRIMONO...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0