accedi   |   crea nuovo account

Prigioniera di un lunghissimo libro verde e azzurro di terra

Mentre la notte
penso

sillabando
nella mia mente

effusioni
di incendiarie scintille dal glauco equilibrio

-la troppo fredda Scilla si agita al bando con la troppo vorace Cariddi -

rifugiato
per volare
nello stretto strappo dell'immenso

sotto ad un piumino di piume che ormai di bianco ha soltanto la luce riflessa dalle pareti verdi azzurre dell'anima

alle nuove variabili forme che potrebbe assumere il Tuo formoso corpo nel linguaggio forestale del mio cuore

Ti sento
gemere dagli scaffali della libreria

Poesia

trafitta dal vestale dolore di essere stata confinata fra le pagine chiuse di un libro vicino a mille romanzi di guerre e di paci di resurrezioni e di sogni portati via e riportati sulle nostre vie da leggendari pellegrini russi

miti a caratterizzare i ricordi di un infinito amore finito in esilio nella casa dei morti

ed io
son qui

come un idiota senza voce pieno di delitti e di castighi

a guardarti

cercando di dissetarmi nel vestire il mio corpo nudo di seta
fra petali di ginestra apparsi alla mia finestra con balzi di leopardiana voce

con guance accese da tamarindi e di rose lungo i viali inebriati dalla salsedine del mare

correre

123

3
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/06/2013 06:54
    TRA POCO SARA' PUBBLICATA UNA MIA CHE CONDANNA QUANTO IN QUESTI GIORNI CI STA OFFENDENDO... SPERO CHE ABBIA ALMENO LE LETTURE DOVUTE...
    QUANTO AL TUO TESTO UN PICCOLO-GRANDE POEMETTO DILIGENTEMENTE COSTRUTTO... IL MIO EENCOMIO E IL MIO AUGURIO DI UNA SERENA SETTIMANA.

5 commenti:

  • karen tognini il 11/06/2013 07:33
    Molto molto sentita.. bellissima Vince... arguti sogni
  • Alessandro il 10/06/2013 18:16
    Una vera e propria epopea, un potenziale visivo che quasi stordisce il lettore.
  • Anonimo il 10/06/2013 11:28
    Soltanto chi ha le pareti dell'anima verdi azzurre poteva cercare di riportare serenità in un momento " agitato " del sito e addirittura dare la sua comprensione agli offesi e a chi offende. Un abbraccio con l'anima che però... ancora non è nemmeno all'inizio del tuo cammino.
  • Anonimo il 10/06/2013 06:40
    caro vincenzo io mi sono allineata per solidarietà come feci a suo tempo per salva che hai citato, a non pubblicare, anche se ciò che scrivi lo trovo giusto, ma ho detto che continuerò a commentare chi scrive... quindi trovo bellissima questa tua, la poesia confinata, le parole prigioniere, intensa e bella lirica...
  • Vincenzo Capitanucci il 10/06/2013 06:15
    Non avrei mai pensato di diventare crumiro... ho letto troppo tardi l'avviso di scio-pero cmq qui non c'è da bloccare o da espellere qualcuno... c'è solo da bloccare la volgarità gratuita ... non dando alcuna considerazione a queste parvenze di persone e questo lo facciamo anche senza la presenza dello Staff
    ... che poi essendo anarchico la sua assenza... mi sta più che bene...
    Ricordate Voltaire... difenderò la libertà di parola anche se spari cazzate a tutto spiano...
    attaccate l'opera ma mai la persona...
    se Tu mi dici la Tua poesia mi fa schifo... a me va benissimo... anzi me ne rallegro... piacere a tutti è un brutto segno..
    condannate il peccato... di bocca in questo caso... ma mai il peccatore...
    ho fatto sciopero nel caso contrario quando è lo Staff che voleva buttar fuori qualcuno... e mi riferisco al caso dell'Amico Salvatore... che era stato portato a Karma 0 perché aveva subito ignobili attacchi contro la Sua persona e la Sua Compagna... dai soliti anonimi cloni... e Lui aveva reagito protestando contro uno Staff che non faceva niente...
    Dunque non cancello la poesia... e vi auguro un buon inizio settimana.. a Tutti a buoni... cattivi... e a maleducati... pieni di rancori...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0